Caf e Patronato

UNA TANTUM 200 EURO

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.114 del 17.05.2022 il Decreto
Legge del 17 maggio 2022 n. 50 (c.d. “Decreto Aiuti”) contenente misure
urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle
imprese e attrazione degli investimenti.
Tra le misure spicca l’indennità una tantum di 200,00 euro, volta a
contrastare l’aumento dei prezzi e il caro energia, e destinata ad una
serie di soggetti elencati negli artt. 31 e 32 del medesimo decreto e che
abbiano un reddito inferiore ai 35.000,00 euro per l’anno 2021.
Tra i quali troviamo
● Lavoratori dipendenti (pubblici e privati), non titolari di
pensione, che abbiano beneficiato almeno nel primo quadrimestre
del 2022 dell’esonero dello 0,80% dei contributi a loro carico sulla
quota IVS (invalidità, vecchiaia e superstiti) previsto dalla legge di
bilancio 2022;
● Pensionati (a carico di qualunque forma di previdenza
obbligatoria, di pensione o di assegno sociale, assegno o
pensione invalidità civile e residenti in Italia);
● Titolari di trattamento di accompagnamento alla pensione (es.
Ape sociale);
● Colf, badanti e lavoratori domestici (inizialmente esclusi) titolari
di uno o più rapporti di lavoro alla data del 18/05/2022 (data di
entrata in vigore del decreto);
● Percettori di NASPI e DIS-COLL nel mese di giugno 2022;
● Percettori di disoccupazione agricola nel 2022 (di competenza
2021);
● Percettori di reddito di cittadinanza;

Titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa
(co.co.co), iscritti alla gestione separata, non titolari di pensione e
con contratto attivo alla data del 18/05/20223 (data di entrata in
vigore del decreto);
● Tutti i lavoratori che nel 2021 siano stati beneficiari di una delle
indennità previste dai Decreti sostegni e Sostegni-bis
(rispettivamente di 2.400,00 e 1.600,00 euro);
● i lavoratori stagionali, a tempo determinato, intermittenti e
dello spettacolo, con almeno 50 contributi giornalieri nel 2021;
● Incaricati alle vendite a domicilio con partita IVA, con reddito
superiore a 5.000,00 euro nel 2021 e iscritti alla gestione separata;
● Lavoratori autonomi, privi di partita IVA e non iscritti ad altre
forme di previdenza obbligatorie, titolari di contratti autonomi
occasionali nel 2021;
Quando verrà erogato il bonus?
● Per i lavoratori dipendenti, verrà erogato in busta paga nel mese
di luglio 2022, previa dichiarazione che attesti di non essere titolari
del bonus in quanto contemporaneamente appartenenti anche ad
altre categorie che lo ricevono d’ufficio dall’INPS;
● Per i pensionati, verrà erogato direttamente dall’INPS sul
cedolino di luglio 2022; per i pensionati di trattamenti non gestiti
direttamente dall’INPS provvederà ad erogarlo l’Ente previdenziale
di riferimento, che verrà poi rimborsato dall’INPS;
● Per i lavoratori domestici, verrà erogato nel mese di luglio 2022,
previa domanda;
● Per i percettori di RdC, verrà erogato d’ufficio nel mese di luglio
2022 (a condizione che nel nucleo familiare non ci siano soggetti a
cui spetta e rientranti nelle altre categorie per i quali è previsto il
medesimo contributo);
● Per i percettori di NASPI e DIS-COLL, il pagamento avverrà
d’ufficio, presumibilmente nel mese di luglio 2022;
● Per i lavoratori autonomi, lavoratori stagionali, intermittenti,
co.co.co., e dello spettacolo bisognerà presentare autonoma
domanda nelle modalità che verranno stabilite in seguito.
Presentazione della domanda
Per l ‘erogazione del bonus, il “decreto aiuti” prevede per alcune delle
categorie di lavoratori che la misura venga erogata “a domanda”
dell’interessato:
● Domestici
● co.co.co.
● intermittenti
● dello spettacolo
● autonomi
● incaricati vendite a domicilio.
Statisticazione
Il comma 8 dell’art. 32 del DL 50/2022, riferendosi solo ai lavoratori
domestici, precisa che “le domande possono essere presentate presso
gli Istituti di Patronato, di cui alla legge 30 marzo 2001, n. 152, e sono
valutate come al numero 8 della tabella D, ( categoria D/8) allegata al
regolamento di cui al decreto del Ministero del lavoro, della salute e delle
politiche sociali 10 ottobre 2008, n. 193, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 288, del 10 dicembre 2008”.
Ribadisco, infine che in ogni caso che per tutti i dettagli bisognerà
attendere il decreto attuativo della misura, che chiarirà i confini del
nostro intervento e fornirà ulteriori dettagli in merito ad ogni categoria di
beneficiari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.